Altri Transiti a Grosseto


   Arcigay Leonardo da Vinci - Grosseto
   La Libreria delle Ragazze - Guarda la piantina Via Pergolesi, 3/a - Grosseto




Altri Transiti a Grosseto

TRANS-NOVEMBER 2017 | DenTro l'idenTità"

ARCIGAY LEONARDO DA VINCI PRESENTA:
Sabato 18 novembre ore 18.30
@La Libreria delle Ragazze (via Pergolesi 3/A - Grosseto)

ALTRI TRANSITI.
Corpi, pratiche, rappresentazioni di femminielli e transessuali
di Maria Carolina Vesce (Mimesis, 2017- collana LGBTI/Maurice)
Vincitore del Premio studi LGBTQ Maurice
Dialoga con l’autrice: Giulia Pieraccini, antropologa culturale

ALTRI TRANSITI.
Chi sono i “femmenelli” o meglio le “femmenelle”? Folkloriche antenate delle trans? Patrimonio dell’UNESCO? Personaggi ormai estinti di un contesto tradizionale tradito dall’accesso alla medicalizzazione dei corpi?�In bilico tra discorsi accademici e rivendicazioni politiche, i soggetti indagati da Carolina Vesce nel suo libro – Altri transiti. Corpi, pratiche e rappresentazioni di femminelli e transessuali- continuano a porci delle domande ed a farci riflettere sulle identità e sulla loro trasformazione. Attraverso le voci di coloro che ancora oggi si descrivono come femminelle, si narrano esperienze complesse, immerse in contesti urbani mutevoli, che sovvertono le categorie di genere resistendo alla omologazione neoliberale delle esperienze. L’autrice percorre lo spazio etnografico proponendo necessarie considerazioni sul concetto di patrimonializzazione come approdo dei processi di cui le femminelle sono protagoniste, accompagnandoci pagina dopo pagina in un viaggio alla scoperta di un mondo in piena mutazione.
Intensità dello sguardo e capacità di analisi danno al testo di Vesce uno spessore difficilmente riscontrabile nella letteratura sull’argomento. Un incontro ed una lettura alla quale consiglio di non sottrarsi.

Dalla quarta di copertina:
“Nel cuore della città di Napoli, nella sua provincia e nelle provincie limitrofe, gli omosessuali effeminati, più o meno
esplicitamente travestiti, sono detti, da tempo immemore, femminelle (o femminielli). Nello spazio sociale dei Quartieri
questi soggetti trova(va)no una loro naturale collocazione, potendo agire in piccoli spazi di creatività durante “riti”
come il matrimonio, la figliata o la juta a Montevergine. L’omologazione ai modelli dominanti di omosessualità e
transessualità, i processi di istituzionalizzazione e medicalizzazione dei soggetti trans hanno minacciato l’identità
culturale dei femminielli napoletani, mettendo a rischio la loro stessa esistenza. Non più costrette in un tragico corpo
maschile che incarna una sensibilità femminile le femminelle si sarebbero trasformate in altre identità. Eppure
l’antropologa le trova ancora lì, protagoniste di un vero e proprio processo di patrimonializzazione, soggetti resistenti
e contesi, figure leggendarie e polimorfe, come le sirene.”
Maria Carolina Vesce, Ph.D. in Antropologia e studi storico-linguistici (Università di Messina), ha svolto ricerche sul
campo a Napoli e in Samoa. I suoi interessi si concentrano sui temi del corpo, del genere e della persona, con particolare
riguardo per le esperienze di genere non eteronormative e per l’impatto delle categorie biomediche di genere sui contesti
locali. È autrice di saggi comparsi in libri e riviste, tra cui Corpi che cambiano. Una ricerca etnografica sulle femminelle
napoletane.

Iniziativa inserita nell'ambito del Trans-November, l’evento organizzato in occasione del Transgender Day of Remebrance 2017, la Giornata internazionale di commemorazione delle vittime della transfobia, da Omphalos LGBTI di Perugia, Chimera Arcobaleno Arcigay Arezzo, Movimento Pansessuale Arcigay Siena, Leonardo da Vinci Arcigay Grosseto, Noi Naturalmente e Agorà Arcigay di Pesaro.

Per saperne di più sul libro, l’articolo su “Lavoro Culturale”:
www.lavoroculturale.org/altri-transiti-la-figura-sociale-del-femminiello/

Scopri qui tutti gli altri eventi del Trans-November 2017 https://www.facebook.com/events/311036986039653/