Lo Stato Contro Fritz Bauer - Speciale Memoria


   Pianeta Milk - Verona Lgbt Center arci-arcigay
   Pianeta Milk - Verona Lgbt Center arci-arcigay - Guarda la piantina Via Scuderlando, 137 - Verona




Lo Stato Contro Fritz Bauer - Speciale Memoria

LO STATO CONTRO FRITZ BAUER
di Lars Kraume
Germania 2015

Venerdì 26 Gennaio 2018
Rassegna CINEDIBATTITO PIANETA MILK
in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA
(In ricordo delle Vittime del Nazifascismo)

Ore: 21
Sede PIANETA MILK - Via Scuderlando, 137 Verona (Borgo Roma)

Tema: Storia, lotta al nazismo, Paragrafo 175 e condizione degli omosessuali nel dopoguerra.

Ore 20:30 il procuratore generale Fritz Bauer apprende che il criminale nazista Adolf Eichmann, responsabile della deportazione di massa di milioni di ebrei poi sterminati, si nasconde a Buenos Aires. Brauer è deciso a non dimenticare e a far condannare i responsabili dell'orrore nazista. È una storia vera. Siamo in Germania, anno 1957. Il procuratore generale Fritz Bauer apprende che un criminale nazista, nientemeno che Adolf Eichmann, il responsabile della deportazione di massa di milioni di ebrei poi sterminati, si nasconde in Argentina, a Buenos Aires. Bauer sente molto la cosa, non solo come uomo di legge; è un ebreo. Negli anni bui della guerra anche lui era stato perseguitato, come ebreo, per di più omosessuale. Aveva poi trovato rifugio in Danimarca: la Danimarca di re Cristiano X, che indossa il Maghen David, la Stella di Davide, segno distintivo imposto dai nazisti occupanti a tutte le persone di origine ebraica, come segno di solidarietà e sostegno con gli ebrei danesi. Bauer riesce a scampare.
Tornato in Germania si dà un compito, una missione: portare in tribunale, per farli giudicare e condannare, i responsabili dei crimini di guerra consumati durante il Terzo Reich. È la cosa giusta da fare, ma non è quella che molti, in Germania, vogliono fare, desiderosi come sono di celare il proprio passato, per non fare i conti fino in fondo con le proprie responsabilità, connivenze, complicità, viltà. È lo stesso Stato ad aver paura del suo passato, Bauer questo lo comprende presto; diffida del sistema giudiziario del suo paese: troppi legami con il passato regime; troppi i silenzi e le inerzie interessate. Lo sappiamo anche noi italiani, del resto, con i nostri innumerevoli “armadi della vergogna” e stragi dimenticate. Bauer non si dà per vinto. Molti dei suoi colleghi lo ostacolano, all'interno delle istituzioni si annidano ancora molti collaborazionisti e simpatizzanti nazisti, molte complicità e passati vergognosi potrebbero saltare fuori, se si facesse un processo pubblico. Ecco perché Bauer viene pesantemente ostacolato. Lui, oltretutto, come abbiamo detto, è omosessuale. In passato per questo lo hanno arrestato; la “macchina del fango” (la possiamo chiamare così?), si mette in moto... (Valter Vecellio, lavocedinewyork.com)