Migranti LGBT: ascoltare per non discriminare


   Circolo Tondelli LGBTI
   Circolo Tondelli LGBTI - Guarda la piantina via Museo 67 - Bassano del Grappa




Migranti LGBT: ascoltare per non discriminare

Il Circolo Tondelli LGBTI invita ad una serata di storytelling sull’esperienza di migrazione di un giovane ragazzo LGBT dall’Africa al nostro territorio del bassanese.

Una testimonianza che vuole essere innanzitutto un’opportunità di conoscenza sulle motivazioni e sulle condizioni che motivano a compiere la scelta di lasciare e/o fuggire dal proprio paese. Un confronto che vuole offrire un contributo alla cultura della solidarietà e dell’accoglienza per porre un argine al crescente razzismo e ai sentimenti di paura che l’accompagnano.

Appuntamento per giovedì 22 marzo 2018, ore 20:45, in Via Museo 67 a Bassano del Grappa (VI).

Nel corso degli ultimi anni alle porte del servizio di supporto e di accoglienza del Circolo Tondelli LGBTI di Bassano del Grappa, hanno bussato, in cerca di aiuto, un numero crescente di ragazzi LGBT provenienti dall’Africa , dai paesi dell’Est e del Medio Oriente.

Sono ragazzi che ci hanno aiutato ad aprire gli occhi sulla realtà del fenomeno migratorio; sulla scarsa conoscenza che si ha della reale dimensione di questo fenomeno e sulla gestione non sempre ottimale che viene attuata spesso a scapito di queste persone.

La maturata consapevolezza della situazione di potenziale violazione dei diritti umani di queste persone, ci ha portati alla creazione di un specifico Servizio di Supporto e Advocacy per i Rainbow Refugees del territorio.

Un servizio che ha già accompagnato una decina di rifugiati e che ci ha permesso di costruire una rete di collaborazioni con enti ed ong, italiane ed europee, operanti nel settore.

Per i rifugiati LGBT il mondo può essere un posto pericoloso e il pensiero di cercare un rifugio sicuro è tutto fuorché una favola. Ancora oggi ben 77 paesi criminalizzano i rapporti tra persone dello stesso sesso. In molti di loro, la prigione è la pena che li attende. In altri, incombe pure il rischio della pena di morte.

I rifugiati LGBT sono persone, spesso molto giovani, che stanno sfuggendo da persecuzioni, violenze e aggressioni sessuali. Ma fuggono anche dalle violenze delle forze di polizia e da una legislazione che considera illegale essere gay. Stanno scappando pure dai loro amici e dalle loro stesse famiglie che di sovente diventano violente, li sfrattano e li bandiscono dalle loro comunità.

Quelli che possono, cercano di trovare luoghi e paesi più sicuri e ciò comporta altri pericoli. I rifugiati LGBT non sono come gli altri rifugiati. Sono visti come emarginati e affrontano discriminazioni e persecuzioni per mano di altri rifugiati nei centri di accoglienza e d’identificazione. Alcuni sono sfrattati dai centri a seguito di discriminazione sociale e culturale.

Sono situazioni drammatiche: immagina di dover fuggire dal tuo paese e poi dover scappare dal luogo che pensavi ti avrebbe accolto e protetto!

Dobbiamo veramente aprire gli occhi su ciò che sta accadendo a questi nostri amici LGBT.

Stand with #RainbowRefugees

Per informazioni scrivici a info@circolotondelli.it.
Oppure puoi contattarci al 3311038130.