Nostri i Corpi Nostre le Città: Teatro & Arti Performative


   Nostri i corpi nostre le città
   Fortezza Vecchia di Livorno - Pagina istituzionale - Guarda la piantina Autorità Portuale di Livorno - Livorno




Nostri i Corpi Nostre le Città: Teatro & Arti Performative

Sabato 23 Settembre dalle ore 18.00
LaRoboterie presenta:
Nostri i corpi nostre le città

FESTIVAL DI CULTURA QUEER
MUSICA • TEATRO • ARTI VISIVE • ARTI PERFORMATIVE • CULTURA & PREVENZIONE

Per la prima volta in
Fortezza Vecchia a Livorno.

TEATRO & ARTI PERFORMATIVE:

• Slavina in ‘Devenir Perra’
• ‘Bunker’ di Viola Barbara con Francesca Ricci e Ginevra Bernini
• Nita in ‘La Prima Volta - Un Racconto Sadomaso’
• Albah Bernaux
• PREVIEW: ‘Fango Rosso’ di e con Alessia Cespuglio

CULTURA & SOCIETA'

• Conigli Bianchi > Noi conigli siamo stanchi che di Hiv si parli poco e male. Vogliamo cominciare a farlo noi.
Con i fumetti. Contro i tabù.
Usciamo dalla tana.

• Renbooks > la prima casa editirice di fumetti a tematiche lgbtiq italiana

_____________________________________________________________________

INFO & BIO:

• SLAVINA

Slavina per noi è ispirazione e passione. Siamo da sempre affamati della sua intelligenza, delle sue parole, del suo punto di vista sulle cose. È un’artista che riesce ad essere sempre dalla parte giusta della storia, estremamente critica, presente sul campo e non solo idealmente. Una vera e propria artivista. Il nostro amore per lei è davvero grande e siamo felicissimi e onorati di poterla ospitare per questa data di ‘Nostri i Corpi Nostre le Città’ dentro la Fortezza Vecchia di Livorno con il suo spettacolo ‘Devenir Perra’. Slavina è porno-attivista e narratrice multimediale. Impegnata fin dalla fine del secolo scorso nell'ambito delle lotte sociali, dell'autoproduzione e della tecnologia DIY, ha scoperto nel 2005 a Barcellona l'ambito teorico e pratico della post-pornografia iniziando a concepire un'idea più sexy di ‘Rivoluzione’. Le politiche del corpo in forma di nuova pornografia, il gender-hacking, l’amore queer e la sessualitá radicale sono diventate il suo campo d'azione e il tema principale delle sue performance, dei laboratori che organizza in tutta Europa e di tutti i suoi esperimenti narrativi. Nel 2012 ha pubblicato il libro ‘Racconti per Ragazze Sole o Male Accompagnate’ e ha in seguito partecipato come regista al progetto ‘Le Ragazze del Porno’ e collabora con la piattaforma benefica Come4 oltre a tradurre e promuovere in Italia il lavoro delle sue amiche poetesse, performer e scrittrici ispanofone.

Il suo blog malapecora.noblogs.org è una lettura imperdibile e potete trovarla anche su twitter come santa_slavina o nel tumblr leragazzedelporno.tumblr.com

“Devenir Perra” – Cabaret Postporno
Non sono mai passata per buona. Questa è stata una battaglia persa in anticipo che non mi è mai interessato combattere. Già da piccola mi piaceva troppo rispondere e dire la mia – più di quanto fosse consigliabile per una brava bambina. Mio padre me lo ripeteva mille volte: da quando mi vide appena nata seppe che gli avrei dato problemi. Eccome se gliene ho dati. Sebbene non trovai altro rimedio che sopportarla, non accettai mai la sua violenza contro di noi. Nacqui in guerra con l’ordine patriarcale che minacciava la mia vita e quella di tutte le donne: non potevo che essere femminista.
[Itziar Ziga – Devenir Perra, 2009]

Letteratura degenerata, etica promiscua, nuovi immaginari erotici e visioni che sfidano il comune senso del pudore: 'Devenir Perra' è un assolo che combina elementi di stand up comedy, spoken word e burlesque femminista. Tra narrazione e meta-narrazione si compone un ritratto della femminilità radicale come soggettività politica insorgente. Perchè se Donna non si nasce, Cagna si puó diventare.

'Devenir Perra' attraversa e supera i confini della post-pornografia come strumento di sovversione dell’intimità e di politicizzazione del privato. Perché la liberazione dei corpi passa attraverso la legittimazione della molteplicità dei desideri, delle forme di relazione e delle loro rappresentazioni. Perché pensiamo, con il beneplacito di Emma Goldman, che non ci possa essere nessuna rivoluzione senza investimento libidinale.

• "BUNKER", di Viola Barbara.
Con Francesca Ricci e Ginevra Bernini.

Bunker è uno spettacolo breve al chiuso con due protagonisti d'eccellenza: Cosimo e Francesco I Medici. Per ragioni tutte da verificare i due personaggi si ritrovano in una scatola a scadenza illimitata: un bunker nero dove ci si nutre di verdure idroponiche e miele. Una conversazione a due dal ritmo serrato, scandita da incursioni musicali dove il testo è sopra le righe proprio come le due attrici, equilibriste su di un filo di rasoio che brucia. In questo psico-dramma si avvicendano quadri assurdi e paradossali curiosi come scimmie ingabbiate. Un incubo comico e surreale dove l'unica nota di realtà sono gli spettatori che non possono entrare.

La fine è certa, la Sala Canaviglia un Bunker nero.

Cosimo I: Ginevra Bernini
Francesco I: Francesca Ricci
Incursioni elettroniche: Gianni Chelli
Scenografie: Valeria Aretusi
Scritto e diretto da Viola Barbara

• "La Prima Volta - Un Racconto Sadomaso"

'Benvenuta!'
nita entra ed osserva lo scenario di quella che sarà la sua prima sessione, la sua prima vera esperienza di sottomissione.
Questo è l'incipit.. venite ad ascoltare il resto?

Nostri i corpi nostre le città presenta
nita in ‘La Prima Volta - Un Racconto Sadomaso’
Fortezza Vecchia, Livorno

• Albah Bernaux

Albah è una creatura meravigliosa, nata sotto i nostri occhi e sbocciata immediatamente in tutta la sua bellezza e complessità. Il talento di Albah stordisce, la profondità della sua arte istrionica può ipnotizzarti in qualsiasi momento tu abbia la fortuna di vederla performare sul palco. Ballerina, attrice, arma di seduzione di massa, essere mitologico, ogni sua apparizione lascia senza fiato e i suoi atti artistici sono un mondo di suggestioni, rimandi, omaggi eccellenti, la ricerca e la sconfinata cultura che stanno dietro a tutte le sue performance riescono a deliziare gli occhi dei più disparati spettatori. Si attinge dalla danza, dal cinema e dalla musica, dalla storia dell'arte ma anche dalla politica, dalla lirica, dalla letteratura e dalla contemporaneità. In pochissimo tempo ha fatto innamorare i palchi di tutta Italia e oltre, vincendo premi legati alla sua attività di Burlesque ma non solo e arrivando qualche mese fa su uno dei palchi più importanti del mondo, quello del 'Life Ball' di Vienna, il più grande evento artistico di beneficienza in Europa per supporto a persone con HIV e AIDS, ideato, prodotto e coreografato da Giorgio Madia, storico nome della danza a livello mondiale. Si sono accorti tutti delle incredibili potenzialità di Albah e noi abbiamo la fortuna di aver lavorato da sempre a strettissimo contatto con lei. Tornerà per un'imperdibile apparizione anche a Nostri i Corpi Nostre le Città nella sua edizione livornese, in Fortezza Vecchia e siamo sicuri che resterete abbagliati dalla sua bellezza e dal suo talento tanto quanto noi.

• "Fango Rosso" di e con Alessia Cespuglio
Collaborazione alla drammaturgia Francesco Niccolini.
In collaborazione con Festival Montagne Racconta (Montagne - Tre Ville, TN)

Livorno 1943. E’ un tardo pomeriggio di novembre e un uomo viene ucciso. Una città distrutta dalle bombe, i tedeschi, i rastrellamenti, lo sfollamento, la fame, la rabbia e la paura sono cornice di questo omicidio che rimane taciuto per anni. Una storia come tante, di una città come tante, un giorno di guerra come tanti.

_____________________________________________________________________

Tutte le info e il programma completo:
https://www.facebook.com/events/264957953995938

PARTNERS
• Friend-LI
• Arcigay Livorno
• Agedo Livorno Toscana

LaRoboterie: Nostri i Corpi Nostre le Città con MyBadSister & Kernel Panik
Apertura ore 18:00
Ingresso Unico: 8€