Queer Infection Lab - Call for Artists


   GendErotica - contaminazioni di arte queer
   Rome, Italy - Guarda la piantina Roma




Queer Infection Lab - Call for Artists

CALL FOR ARTISTS
(english text below)

La comunità Queer romana è viva! Lo possiamo dire con orgoglio, con il tempo si sono costruiti luoghi, collettivi, attraversamenti, eventi che l’hanno modellata e che la pongono in continua tra(n)sformazione. Da questa collettività feconda sono nati negli anni due eventi straordinari. Da una parte GendErotica – contaminazioni di arte queer, festival biennale che ha visto 4 imperdibili e sorprendenti edizioni e che sta ora provando a sopravvivere e ripartire con le dovute condizioni economiche ed organizzative, che siano di vero sostegno al lavoro di artisti ed organizzatori. Dall’altra, Hacker Porn Film Festival - HPFF, appena nato, ma dalla portata visionaria su corpi, sessualità e pornografia capace di scuotere gli immaginari più profondi. Due eventi che hanno saputo far parlare la nostra realtà con un contesto internazionale creativo e generoso.
In questo 2017, che avrebbe dovuto essere l’anno della quinta edizione del festival, GendErotica trova un complice nell’Hacker Porn Film Festival; i loro curatori, Senith e FranStable si alleano per mantenere alta l’attenzione sulla cultura queer e sostenere entrambi i festival, tenendo viva l’attenzione sulla creazione underground, queer, irriverente, laica e desiderante.
In attesa di capire se e quando GendErotica potrà ripartire con le dovute condizioni economiche e organizzative; in attesa di una seconda edizione dell’Hacker Porn Film Festival che accetta la scommessa di radicarsi e crescere, nasce questo evento intermedio che prende spunto dalla Queer Infection di GendErotica e che spalancherà le porte dal 29 settembre all’1 ottobre al Kino e all’HulaHoop (Roma – Pigneto) e che si realizzerà in forma del tutto volontaria. Vi invitiamo a partecipare a questa

C A L L per QUEER INFECTION LAB
La Call si rivolge a tutti quei performer, autor*, creativ* che desiderino presentare il proprio percorso artistico o di riflessione politica e culturale, ma anche ad organizzator*, curator* di eventi, associazioni interessate ad approfondire le tematiche queer e la loro rappresentazione nell’arte. Quest’anno non vorremmo ricevere soltanto a progetti artistici finiti, ma anche work in progress che all'interno dei nostri spazi possano favorire scambi di saperi, pratiche di attivismo, laboratori creativi, consulenze artistiche e la possibilità di restituzione dello stato dell’arte nel confronto con il pubblico.
La chiamata è rivolta in due direzioni:
- ad artisti, organizzator*, curatori di eventi, associazioni disponibili a presenziare alla rassegna in qualità di “Tutor”, supervisori, consulenti artistici, disponibili a conoscere e approfondire la creatività underground e/o accompagnare i work in progress presenti;
- artisti visuali, cinematografici, documentaristi, delle arti figurative, delle arti performative, con progetti artistici già definiti o alla ricerca di una supervisione o di una consulenza o collaborazione creativa, o interessati a presentare un lavoro site specific legato alle specifiche della Queer Infection 2017.
In particolare (ma non in maniera esclusiva) saranno richiesti contributi inerenti ai seguenti punti:
- La ricerca e il linguaggio performativo possono condizionare i costumi culturali e diffondere pratiche di cittadinanza attiva e rispetto delle diversità
- Il corpo “incarnato” dall@ performer che ci permette di comprendere il suo ruolo nell’atto di creazione di un immaginario “altro” e differente dai contesti culturali e i paradigmi sociali a cui siamo abituati.
- Disabilità e desiderio: una rivendicazione del corpo diversamente abile.
- Femminilità/Maschilità, tra costrutti sociali manipolabili e manipolati dalla virtualità mediatica e il confronto con i nostri corpi quotidiani
Tali contenuti potranno essere presentati sotto forma di: video arte, arte performativa, installazioni, cortometraggi, documentari, lungometraggi, work in progress, reading, tutoraggio, poesia, musica dal vivo
Si fa presente che, per coloro che non hanno la disponibilità di un alloggio a Roma, potranno essere messi gratuitamente a disposizione dei posti letto, a seconda della disponibilità.

Eros e sessualità continuano ad essere uno dei campi su cui si muove lo stigma sociale, che condanna la non conformità agli stereotipi pesantissimi che ci arrivano dagli immaginari culturali dominanti. Per questo ci interessa particolarmente che si parli di erotismo, sessualità, Fem, Trans, Sex Workers, femminismo, desideri, fantasie, immaginari, muovendoci da punti di vista differenti ed estetiche personali, uscendo dall’omologazione che qualsiasi contesto ci impone.
Vi incoraggiamo ad inviare le vostre proposte artistiche unitamente alle schede tecniche e le vostre disponibilità di collaborazione a genderoticafestival@gmail.com entro il 20 agosto 2017

UN OMAGGIO A DIANE TORR
Una della tre giorni sarà prevalentemente dedicata a rendere omaggio ad un* pionier* della cultura queer e drag mondiale, a 4 mesi dalla sua prematura scomparsa. Diane Torr è stat* il padre dei Drag King. I suoi workshop e il suo carisma ispiratore hanno influenzato e lasciato il segno ovunque nel mondo e hanno dato il via ad esperienze in grado di cambiare il senso delle cose. Noi, quel cambiamento, l’abbiamo vissuto realmente e quell’influenza ha creato energie e contaminazioni.
Invitiamo performer e artist* che lavorano sull’arte del Drag, coloro che l’hanno conosciuta e coloro che la vogliono conoscere, a unirsi a noi in questa giornata di festa e memoria per Diane. Rest in Power.
Scriveteci per proporre i vostri contributi a genderoticafestival@gmail.com

ENGLISH!
The Queer Roman community is alive and well! We can proudly say that over time places, collectives, and events have been established that have shaped and continually tran(s)formed our community, from which two extraordinary events have been born. On the one hand the four biennial festivals that were GendErotica – queer art contaminations that we are now trying to keep alive and bring back while providing the necessary economic and organizational conditions that may support the work of the artists and organizers. On the other hand, the Hacker Porn Film Festival, which has just been created and is characterized by visionary approaches to bodies, sexuality and pornography, which are capable of stirring even the deepest of transgressive imaginaries. These two events have been able to link our context with a larger creative and expansive international one.
This year should have been the fifth GendErotica festival, instead we are collaborating with the Hacker Porn Film Festival; our curators Senith and FranStable are working together to keep attentions focused on queer culture and to support both festivals, concentrating on underground, queer, subversive, and enticing works.
As we wait for the fifth GendErotica festival which depends on certain economic and organizational conditions, and as we wait for the second edition of the Hacker Porn Film Festival which is growing as it ventures into new territories, we are putting together this event that will take place from the 29 of September to October 1 st at the Kino and HulaHoop (Rome – Pigneto), which takes inspiration from
GendErotica’s Queer Infection, and which will be entirely organized on a volunteer basis. We invite you to respond to our

CALL for QUEER INFECTION LAB
This call is for all performers, authors, and creators that wish to present their artistic work, or political and cultural reflections, and also to organizers, event curators, and associations who are interested in exploring queer themes and their representation in art. This year we don’t want to solely focus on completed artistic projects, we also want to include works in progress that might find a space within our lab for knowledge exchange, activist practices, creative workshops, artistic consults, and the possibility of creating a dialogue between the public and the arts.
This call seeks to attract two main publics:

- We seek artists, organizers, event curators, and associations willing to work as tutors, supervisors, and art consultants, and willing to learn and participate in the creative underground and/or assist with works in progress;
- cinematographers, documentary filmmakers, visual, figurative, and performative artists with already well-defined projects; those seeking supervision, consultations, and creative collaborations; and artists interested in presenting site-specific work tied to the themes of Queer Infection 2017.

In particular (but no exclusively) we request contributions that address the following:
- How might performative language and study shape cultural behaviors and contribute to practices of active citizenship and respect for diversity?
- How might the embodied performer allow us to understand his/her/their role in the creation of an “other” imaginary which is different from the cultural contexts and social paradigms to which we are accustomed?
- Disability and desire: a reclaiming of otherly-abled bodies.
- Femininity/Masculinity, as social constructions shaped by mediatic representation that are regularly imposed on our bodies. These contributions can come in the form of: video art, performative art,
installations, shorts, documentaries, feature length films, works in progress, readings, tutoring, poetry, and live music.
Please note: we will try to provide free accommodation in Rome, according to availability, for those artists who need one.

Eros and sexuality continue to be areas heavily imbued with a social stigma that condemns those who do not conform to rigid stereotypes stemming from dominant cultural imaginaries. We are particularly interested in talking about eroticism, sexuality, Fem, Trans, Sex Workers, feminism, desire, and fantasies; we seek to do
this by addressing different points of view and personal aesthetics, and rejecting the homogenization that our various contexts impose on us.

You are invited to send your artistic proposals along with any technical production guidelines, and your availability for collaboration to genderoticafestival@gmail.com by August 20, 2017.

A REMEMBRACE OF DIANE TORR
One of the three days of the festival will be primarily dedicated to paying tribute to an international pioneer of queer and drag culture, who prematurely passed away four months ago. Diane Torr was the father of the Drag Kings. Her workshops and her inspiring charisma influenced and left their mark all over the world, and paved the way for new experiences capable of changing our social understandings. We lived that change which has given rise to new energies and contaminations.
We invite performers and artists working on the art of Drag, those who knew her and those who wanted to, to join us on this day of celebration and remembrance for Diane. Rest in Power.

Send your proposals to: genderoticafestival@gmail.com

(thanks to Michela Baldo and Julia Heim for english translation <3)